Home | Collegati | Equal opportunities - European projects | T.I.R. Two images in re-construction: paternity and maternity.

Area riservata

 
 
Equal opportunities - European projects
T.I.R. Two images in re-construction: paternity and maternity.


Il progetto T.I.R. una ricerca-azione finanziata dalla Comunità Europea (programma d'azione comunitario in materia di parità fra le donne e gli uomini - 2001/2005) con l'obiettivo di promuovere la parità di genere attraverso il superamento degli stereotipi legati alle figure di madre e padre.

Gli stereotipi, impediscono una chiara definizione delle immagini e dei compiti assunti dagli uomini e dalle donne dell’attuale società in trasformazione. In questa prospettiva la famiglia, in qualità di agenzia di socializzazione primaria, costituisce il luogo privilegiato delle interazioni intime ed informali in cui viene negoziato il significato da attribuire ai rispettivi ruoli. Per questo motivo la sfera familiare può essere considerata l’ambito privilegiato nel quale promuovere un cambiamento degli stereotipi, partendo dall’analisi dell’immagine di paternità/maternità.

Un approccio innovativo: perché?

Il progetto si è rivolto agli uomini attraverso l’analisi della percezione che gli stessi hanno del proprio ruolo di padre e di uomini. Ciò, nella convinzione che le modalità di esercizio della paternità abbiano profonde ripercussioni sullo stereotipo di madre e sul vissuto di donna in tutti gli aspetti della  società.

Obiettivi

1) Mettere in luce gli stereotipi sulla paternità/maternità, analizzando in che misura gli uomini li fanno propri e attraverso quali canali vengono diffusi nella società;
2) promuovere una paternità più consapevole, intensa e responsabile, volta al raggiungimento di una parità fra uomini e donne;
3) fare emergere nuove priorità sul piano dei diritti e delle politiche per gli uomini/padri perché, a partire da un cambiamento al maschile, si possa favorire una nuova immagine delle donne e valorizzare il contributo che possono offrire alla società.

I partner

ITW (Olanda), FCCC (Grecia), Kvinnoforum (Svezia), CWU (Rep. Ceca)
La presenza di paesi socialmente, economicamente e culturalmente così diversi favorisce il confronto e il trasferimento di buone pratiche. Infatti, ogni realtà, tramite le sue peculiarità, può contribuire mediante un reciproco “travaso” di esperienze ad elaborare proposte innovative sul tema delle pari opportunità, toccando i quattro poli culturali d’ Europa: Nord, Sud, Est e Ovest.

Fasi della ricerca

Analisi di sfondo

a) studio della letteratura e materiale grigio sui temi della paternità e delle relazioni di genere;

b) interviste a direttori e/o presidenti di associazioni di padri.

Modulo I - Analisi del concetto di paternità dal punto di vista individuale
 Indagine esplorativa:

 a) interviste in profondità ad un panel di padri,

 b) osservazione partecipante all’interno delle famiglie

 Indagine quantitativa:

 Survey su un campione rappresentativo di uomini-padri

Modulo II
Analisi del concetto di paternità nel contesto sociale
a) analisi dei mass media e del loro contenuto manifesto sul tema della paternità/maternità
b) analisi della giurisprudenza degli ultimi dieci anni sul tema
della paternità/maternità

Focus group per riflettere sui risultati delle precedenti fasi

Modulo III - Diffusione dei dati della ricerca
Per attivare scambi di buone pratiche e di esperienze positive questi prodotti verranno presentati e discussi nell’ambito di una serie di incontri a livello nazionale e internazionale (Conferenza di Bruxelles) che coinvolgeranno i seguenti target: a) network o singole associazioni che si occupano di temi legati alle pari opportunità; b) comitati e associazioni per la paternità; c) policy maker locali e nazionali; d) gruppi di rappresentanti dei media

stampanteStampa